25 APRILE CON GLI ETRUSCHI!!!!!

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

25 APRILE CON GLI ETRUSCHI!!!!!

disegno di Gaia Mascagna

Sabato 25 aprile.Dopo un pomeriggio del 24 trascorso al campetto da calcietto a festeggiare i 9 anni del nostro piccolo grande campione, insieme ad un'altra ventina di bambini, piu' o meno, suoi coetanei, la mattina del 25 aprile, tanto per rilassarci un po', complice una bella giornata ( e una quindicina di panini avanzati dalla festicciola), decidiamo di fare un centinaio di chilometri per andare al mare. Si parte con tutta tranquillita' (come al solito, del resto!!!), e non tutti ugualmente convinti del fatto che sia una buona idea!!!! Viaggio, naturalmente, avventuroso: Leonardo comincia gia' ad accusare i primi malori al decimo Km, Domenico ha una necessita' impellente di fare pipi', Gaia continua a ripetere "Sono il lupo mangia frutta, che frutta vuoi?" ed io che non vedo l'ora di arrivare!!!

Destinazione Tarquinia:
mare che fa ca...... (finite voi la rima) ma......almeno e` vicino!!!! Arrivati a Tarquinia, prima di giungere al lido, ci imbattiamo, come sempre nella necropoli di Monterozzi, ma, questa volta, decidiamo di fermarci: Leonardo ha iniziato a studiare storia e, questa, potrebbe essere una buona occasione per imparare qualcosa in più, magari per capire che gli Etruschi, non sono dei.....calciatori!!!!
Infatti, lui gioca in una squadra di calcio chiamata "Etrusca United" e, per questo motivo, crede che "etruschi" e "calcio", siano, in qualche modo, 2 concetti connessi l'uno all'altro. La necropoli è, come già detto, facilmente visibile dalla strada e, una volta stabilito che dobbiamo fermarci, sorge un primo problema: il parcheggio. Stranamente, sul lato opposto della strada c'e` un bel posto libero, perchè non approfittarne? Freccia a sinistra, Domenico accosta e TA, TA, TAN.....non si era accorto del gradino del marciapiede. Botta pazzesca, mega parolaccia di rito, Leonardo che subito pensa che non torneremo a casa mai più, ma.....per fortuna, tutto ok!!!
Entriamo e decidiamo di prendere il biglietto combinato "necropoli+museo" al prezzo di 8 euro per adulto, mentre per i bambini, l'ingresso e` gratuito in entrambi i siti. La necropoli di Monterozzi si compone di circa una ventina di tombe, tutte accessibili dall'esterno attraverso una scalinata che, dal livello della terra, scende di un paio di metri. Alla fine dei gradini, si trova una porta a vetri, naturalmente chiusa, e l'interno della tomba, inizialmente buio, si può illuminare tramite un pulsante posto all'esterno.

La presenza di questi pulsanti ha animato la nostra visita che, inizialmente, soprattutto a Gaia, è apparsa un tantino noiosetta!!!! "Tocca a me!!!", "No a me!!", "Suono il campanello ma non mi apre nessuno!!!!" e cosi` via. Gaia, che in biglietteria ha preso una mappa che indica il percorso da seguire,ci fa da guida:
tomba dei giocolieri, del cacciatore, dei caronti e, via via, fino alla tomba dei leopardi.
Ogni tomba, all'esterno, presenta dei pannelli esplicativi molto ben fatti, ed io, interessata, li leggo tutti. Tento di dare notizie circa datazione, simbologia dei dipinti, caratteristiche delle varie tipologie di sepoltura, ma l'unica cosa importante è......riuscire a spingere per primi il pulsante dell'illuminazione!!!! Va be', meglio di niente!!! L'unica informazione che hanno compreso in pieno, è che la porta , rappresentata quasi in ogni tomba, è simbolo del passaggio al mondo dei morti e che, quel mostro sempre presente vicino alle porte, si chiama Caronte. Per adesso, possiamo accontentarci!!!! Ma c'è una cosa che proprio non siamo riusciti a far capire a Gaia e cioè che molti di quei dipinti risalgono al 500 a.C. e che, quindi, hanno circa 2500 anni. E' ancora convinta che siano stati fatti qualche giorno fa e che siano solo un po' scoloriti!!! Capirà!!! Speriamo.... Dopo la visita, pranzo in area ristoro con panini avanzati e si riparte, questa volta diretti alla spiaggia. Leonardo si porta anche la canna da pesca, preoccupato dal fatto di non aver portato un contenitore adatto dove poter mettere uno squaletto, nel caso si riuscisse a pescarlo..... Appena giunti, stendiamo i teli: il sole va e viene e si vede gente sdraiata in costume e altra che passeggia in cappotto. Quello che ci sorprende di più, però, non sono gli improvvisi e repentini cambi di temperatura, quanto piuttosto la presenza di "strane creature blu", sia in spiaggia, che in mare. Facciamo strane ipotesi e, dopo un po' (e grazie all'aiuto di internet), scopriamo che non è un segnale degli alieni che stanno per venire a rapirci, ma si tratta semplicemente di animaletti carnivori che vivono in mare,chiamati velelle.
Mistero svelato!!!


Leonardo, abbandonata la canna da pesca (e la speranza di portare a casa questo squalo), passa, come al solito, al pallone, mentre Gaia, dopo aver raccolto un po' di conchiglie ed essersi impanata di sabbia come una cotoletta, decide che..... STOP! E` ora di fare merende!!! Altro panino, condito con prosciutto e sabbia, ed è ora di "rincasare". Prima di ritornare, decidiamo di visitare il Museo Archeologico Tarquiniense. I tesori in esso contenuti, sono di un valore immenso, inestimabile, ma non sempre totalmente comprensibile da bambini di 9 e 8 anni. Però, coinvolti anche dalla possibilità di fare foto con telefonino e tablet, alla fine, sono stati, comunque, molto contenti e soddisfatti. E con loro, anche noi!!!
Tirando le somme e chiedendo a Leonardo e Gaia che cosa hanno capito degli Etruschi, hanno risposto:
-che sono vissuti tanti anni fa;
-che credevano in una vita dopo la morte;
-che sapevano disegnare "abbastanza bene";
-e soprattutto.......... che amavano da morire i vasi!!!!! Di ogni forma e dimensione!!!!
Ho appena terminato di scrivere il racconto e ho chiesto a Gaia di farmi un disegno di questa esperienza. Lei ha preso matita e cancellina ed ha iniziato a disegnare. Ad un certo punto, si e` girata, mi ha guardato e mi ha detto :

"Mamma, io questi Egiziani proprio non li so disegnare!!!"

Nooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!

Letto 551 volte Ultima modifica il Martedì, 26 Luglio 2016 08:12
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.